Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Discussioni su come attirare gli uccelli nel nostro birdgarden con mangiatoie, abbeveratoi, posatoi, nidi artificiali, ecc. + foto e video ivi realizzate

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda Matteo15 » 21/11/2015, 13:25

Salve a tutti, vorrei chiedervi se le tarme della farina secche (vendute morte e essiccate) sono appetibili per i nostri piccoli amici insettivori come cince e pettirossi. Grazie per le risposte.
Matteo15
Nidiaceo
 
Messaggi: 37
Iscritto il: 27/08/2015, 14:35
Località: lazio



Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda Vyp » 22/11/2015, 12:54

Ci sono alcuni utenti del forum che le usano. Fai una ricerca con "camole secche" nel campo apposito in alto nell'intestazione.
Ciao.
Avatar utente
Vyp
Passero solitario
 
Messaggi: 261
Iscritto il: 26/01/2012, 23:00
Località: Emilia



Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda Matteo15 » 22/11/2015, 15:29

L'ho fatto...e non ho trovato un bel niente! :(
Matteo15
Nidiaceo
 
Messaggi: 37
Iscritto il: 27/08/2015, 14:35
Località: lazio



Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda Vyp » 22/11/2015, 23:40

Matteo15 ha scritto:L'ho fatto...e non ho trovato un bel niente! :(


Ci sono almeno 3-4 link che possono fare al caso tuo:
search.php?keywords=camole+secche

Ciao.
Avatar utente
Vyp
Passero solitario
 
Messaggi: 261
Iscritto il: 26/01/2012, 23:00
Località: Emilia



Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda Alessandro Landi » 23/11/2015, 18:53

non ho mai provato ma considerando che vengono aggiunte a "torte di grasso" ed altri alimenti per uccelli che si trovano in commercio suppongo che siano gradite nella maggior parte dei casi
Avatar utente
Alessandro Landi
Amministratore
 
Messaggi: 4277
Iscritto il: 03/01/2009, 16:41
Località: Toscana


BY-2016: Punti (3)
Archivio: Nidi (31)
Files: Schede (30)

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda fabio90 » 29/11/2015, 19:13

Buonasera, come già detto negli ultimi post sto effettuando un allevamento di camole della farina per un possibile uso pesca.
I tre cicli vitali li ho visto sviluppare, ora mancano le schiuse delle uova (se ci sono visto che non le riesco a vedere) per poi dire se è un allevamento completo o meno.
L'unica cosa che vorrei chiedere a tutti voi cosa dare alle camole per farle crescere. Purtroppo noto che sono piccole per i miei usi, anche due nell'amo del 6 sono troppo piccole.
Bisogna dare loro qualche sostanza particolare?
Grazie
fabio90
Uovo
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 17/09/2015, 11:06
Località: ROMA



Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda Vyp » 29/11/2015, 22:44

fabio90 ha scritto:Purtroppo noto che sono piccole per i miei usi ...

Le larve di tenebrio molitor non superano di solito i 3 cm. Meglio si trovano dal punto di vista alimentare e climatico, più mute fanno e più crescono prima di impuparsi. Che io sappia non ci sono particolari sostanze da fornire, basta dare loro da mangiare senza dimenticare nei periodi più caldi le fonti di umidità come ad esempio le carote crude.

Se hai bisogno di larve più grandi probabilmente è meglio che provi con un altro tenebrionide, lo zophobas morio anche detto caimano, che raggiunge dimensioni doppie. L'avvio dell'allevamento però è più complicato a causa dell'alta mortalità della prima generazione acquistata da negozio e della minore tolleranza alle temperature inferiori ai 25°C.

Puoi trovare informazioni più dettagliate a questo link:
http://amiciinsoliti.altervista.org/cib ... onidi.html

Ciao.
Avatar utente
Vyp
Passero solitario
 
Messaggi: 261
Iscritto il: 26/01/2012, 23:00
Località: Emilia



Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda fabio90 » 02/01/2016, 13:02

Buongiorno, ho questi coleotteri delle tarme della farina in questo recipiente, perchè non noto piccoli esemplari dopo circa 2 mesi che ho messo i primi coleotteri??? cosa devo fare?
Allegati
12467790_942334302513339_553491816_n.jpg
12467790_942334302513339_553491816_n.jpg (87.74 KiB) Osservato 4886 volte
fabio90
Uovo
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 17/09/2015, 11:06
Località: ROMA



Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda piropiro » 02/01/2016, 14:02

fabio90 ha scritto:Buongiorno, ho questi coleotteri delle tarme della farina in questo recipiente, perchè non noto piccoli esemplari dopo circa 2 mesi che ho messo i primi coleotteri??? cosa devo fare?


Normalmente gli adulti (quelli che chiami coleotteri) si sviluppano in estate, compiono gli accoppiamenti e la deposizione delle uova con conseguente sviluppo delle larve.
Io in questo momento ho solo le larve in diverso stadio di sviluppo. Però ora io li ho in ambiente a bassa temperatura e lo sviluppo è fermo.
La crescita con sviluppo continuo la si ha sopra i 25 gradi, altrimenti si ha un rallentamento proporzionale all'abbassamento della temperatura.
Tieni conto di questi fattori e se vuoi vedere lo sviluppo delle uova e larve portali in ambiente caldo e buio.
Avatar utente
piropiro
Aquila
 
Messaggi: 2052
Iscritto il: 02/01/2010, 15:17
Località: Carinzia


Archivio: Nidi (56)
Files: Schede (95)

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda fabio90 » 02/01/2016, 15:46

Grazie 1000, dopo aver visto le 3 fasi di trasformazione mi mancava il 4° (uova e nuove larve) e quindi ero preoccupato su cosa stavo sbagliando.
Invece, siccome nei prossimi mesi inizierò con la pesca, per far diventare le larve di dimensioni massime cosa mi consigli di mettere come alimento?
Ora il mio composto è di: farinaccio,crusca, mangime di pesci, pane, crocchette di gatto e ogni tanto qualche pezzo di mela,patata o carota.

Grazie
fabio90
Uovo
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 17/09/2015, 11:06
Località: ROMA



Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda piropiro » 02/01/2016, 18:06

Usa solo crusca e pezzi di pane secco dove vengono deposte le uova.
qualche pezzo di mela o patata, ma non troppo perché si forma facilmente umidità.
Se vuoi accelerare la crescita ed il ciclo devi tenerle ad una temperatura sopra i 25 gradi. Poi puoi togliere le larve grandi e conservarle in frigorifero, o comunque al freddo, altrimenti si trasformano di nuovo in coleotteri adulti.
Avatar utente
piropiro
Aquila
 
Messaggi: 2052
Iscritto il: 02/01/2010, 15:17
Località: Carinzia


Archivio: Nidi (56)
Files: Schede (95)

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda fabio90 » 02/01/2016, 18:27

Grazie. Io siccome devo utilizzarle per uso pesca, chiedevo le larve come poterle ottenere nella massima dimensione, cioè come poter fare e cosa dare per farle crescere nelle dimensioni massime possibili. :)
fabio90
Uovo
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 17/09/2015, 11:06
Località: ROMA



Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda fabio90 » 02/03/2016, 15:05

Buongiorno, chiedo a voi esperti.
Ho tolto i coleotteri dal contenitore che li conteneva per circa 20gg, ora li ho messi in uno nuovo con nuovo strato.
Nel contenitore dove sono stati per i 20gg tra quanto dovrei vedere le piccole camole? Se questo non avviene cosa ho sbagliato? Dopo quanto posso riutilizzare o gettare lo strato ormai utilizzato in precedenza? L'operazione di ri-togliere i coleotteri dallo strato tra quanto devo ri-effettuarla?
se non ho nuovi nascituri rischio di finire il ciclo riproduttivo. QUalche metodo o apparecchio per controllare la presenza di uova?
Grazie
fabio90
Uovo
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 17/09/2015, 11:06
Località: ROMA



Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

Messaggioda Vyp » 06/03/2016, 0:31

Le piccole camole diventano visibili dopo alcune settimane ma tieni presente che col freddo possono passare anche mesi. Le uova sono troppo piccole, quindi o ti armi di microscopio o attendi pazientemente.
Se non hai bisogno di un allevamento intensivo è sufficiente che lasci qualche fonte di umidità agli adulti, tipo qualche carota tagliata, in modo che non si mangino le loro stesse uova e puoi limitare la sostituzione del substrato a una volta all'anno.
Se invece vuoi massimizzare la produzione devi utilizzare diversi contenitori come stai facendo. Più volte travasi gli adulti e più contenitori dovrai tenere in attesa dello sviluppo delle larve. Inoltre più al caldo li tieni e più velocemente si sviluppano.
Il mio consiglio è di buttare i substrati vecchi solo dopo due o tre mesi senza movimenti. Mi è capitato che da un substrato che stavo per buttare si sviluppasse un'intera nuova generazione con le ultime larve che si sono sviluppate dalle uova anche a diverse settimane di distanza dalle prime.
Non preoccuparti troppo, fai qualche prova e vedrai che otterrai i risultati voluti.
Ciao.
Avatar utente
Vyp
Passero solitario
 
Messaggi: 261
Iscritto il: 26/01/2012, 23:00
Località: Emilia



Precedente

Torna a Birdgarden e Nidi artificiali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron