Casetta Nido " antipredazione " per Cince

Discussioni su come attirare gli uccelli nel nostro birdgarden con mangiatoie, abbeveratoi, posatoi, nidi artificiali, ecc. + foto e video ivi realizzate

Casetta Nido " antipredazione " per Cince

Messaggioda Riccola » 22/12/2010, 23:30

Questo post parla di casette nido ed ecco la mia prima casetta. Ho preso spunto spiando quà e là i vari siti dove parlano delle casette "antintrusione" riproducendola con le misure che ho trovato.

Vi descrivo velocemente le foto:
- Per ovviare alle cerniere e gancio di sicurezza ho pensato a due perni fissati lateralmente al tetto tramite un ingrosso sulla parte sotto del tetto stesso (vedi schema di "costruzione della mangiatoie"). Così dovrebbe essere più sicuro ad ogni visita non gradita dai nostri... mi auguro tanti ospiti.
- La parte sotto è smontabile (non incollata) per le pulizie di fine stagione
- Il fondo è forellato (ho fatto bene?)

P.S. Mi scuso se il mio linguaggio "ligneo" vi confonde

Se avete osservazioni e dubbi sono tutti graditi :ok:

ciao
Allegati
foto antintrusione 1.jpg
foto antintrusione 1.jpg (20.55 KiB) Osservato 6073 volte
foto antintrusione 2.jpg
foto antintrusione 2.jpg (19.01 KiB) Osservato 6073 volte
foto antintrusione 3.jpg
foto antintrusione 3.jpg (25.94 KiB) Osservato 6073 volte
disegno antintrusione fianco.jpg
MODIFICARE IL FORO DI "USCITA" A 32mm
disegno antintrusione fianco.jpg (14.04 KiB) Osservato 6073 volte
disegno antintrusione alto.jpg
disegno antintrusione alto.jpg (13.45 KiB) Osservato 6073 volte
Ultima modifica di Riccola il 26/12/2010, 1:03, modificato 4 volte in totale.
ciao
Riccardo
Avatar utente
Riccola
Aquila
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: 01/10/2010, 11:03
Località: Verona


Archivio: Nidi (51)
Files: Schede (26)

Re: Casette nido

Messaggioda Parus » 23/12/2010, 9:42

ciao,
la casetta va benissimo così, hai tenuto una sporgenza del terrazzino piuttosto considerevole che agli uccelli non interessa per nulla e possibili intrusioni da parte di zampacce sono sicuramente ostacolate.
Il sistema col perno è ingegnoso, tenendo conto che il legno si gonfia si potrebbe avere qualche ficcoltà nell' estrarli , in caso se lo fai sulla pianta meglio lasciar stare se a casa tutt'altro discorso. Quei pioletti sono quelli dei mobili? mi sa allora che sono ok..

Il paletto sul foro, si è una roba in più che realmente non serve, volendo dirla tutta i paletti tendono ad attirare i passeri ma è frutto di ipotesi che ho sentito basate sull'istinto che hanno....(qualcosa di verò c'è comunque!) . Io lo toglierei, forse rende più estetica al nido anche..mio punto di vista :ghgh: (senza o con paletto tutte le specie vanno)

Perfettto frontale sotto smontabile, essenziali i fori sul fondo. :ok:

ps: come lo ancori? Meglio il listello sul retro sennò avresti problemi a fissarlo anche sotto nel caso degli occhielli..

Bel lavoro. Posta pure il disegno di questo nido
ciao
Parus
Aquila
 
Messaggi: 1636
Iscritto il: 30/05/2009, 21:21
Località: Vicenza



Re: Casette nido

Messaggioda Fabio1978 » 23/12/2010, 18:50

Che bella cassetta, complimenti!
Fabio1978
Uccellin di bosco
 
Messaggi: 72
Iscritto il: 15/12/2010, 14:52
Località: Busto Arsizio (VA)


Files: Schede (2)

Re: Casette nido

Messaggioda Alessandro Landi » 23/12/2010, 20:48

Bellissimo nido Riccardo, ben rifinito e dall'aria molto solido :ok: , ha un unico difetto però... il paletto sotto il foro d'ingresso :nono: , dai retta a me... segalo senza pietà!, è ultile come appoggio solo ai predatori (anche se il nido è antipredazione)
anzi se non chiedo troppo sarebbe fantastico se postassi le foto e lo schema senza paletto... magari in una nuova discussione che aggiungerei nella lista "the best of" ;)
Avatar utente
Alessandro Landi
Amministratore
 
Messaggi: 4257
Iscritto il: 03/01/2009, 16:41
Località: Toscana


BY-2016: Punti (3)
Archivio: Nidi (31)
Files: Schede (30)

Re: Casette nido

Messaggioda Riccola » 23/12/2010, 23:57

Grazie Alessandro :ok: ero indeciso sul posatoio, mi sembrava di aver letto in qualche discussione precedente che non andava :perplesso: ...grazie ancora.
Domani sistemo e mando le foto

Il buon Parus ha notato che mancava il paletto, difatti l'ho dimenticato e non l'ho fotografato, dimenticandolo anche nel disegno :banghead: . Rimedio subito... la sezione è da 5x2 cm ed è lungo circa 50 cm sporgendo dalla casetta di 10 cm circa sopra e sotto, fissato al nido da dietro con delle viti.

Per il discorso fissaggio tetto, il problema che dici Parus l'ho "anticipato" facendo il foro 1-2mm in più rispetto al diametro del perno, ho ingrossato il perno con dello nastro-carta (quello giallino che si strappa facilmente), man mano che il legno crescerà (di sicuro) tolgo del nasto per renderlo più "scorrevole", forse nella foto si nota poco ma hanno il nastro.
I perni sono quelli che di solito troviamo nei kit di montaggio dei mobili (dalle mie parti chiamati "bironi"), lì sono già tagliati a 4-5 cm ma nei negozi di articoli per falegnami ci sono anche in stecche da 1mt, li ho visti da 6mm (quello sul tetto) e sinceramente fino a quale max non lo sò... direi una fesseria, ma credo che arrivino anche a qualche centimetro.

Altro particolare del disegno: non ho segnato l'ingrossamento interno al tetto per il fissaggio del perno... scusate. :oops:

Dubbi e osservazione sono sempre graditi
ciao :ok:
ciao
Riccardo
Avatar utente
Riccola
Aquila
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: 01/10/2010, 11:03
Località: Verona


Archivio: Nidi (51)
Files: Schede (26)

Casette nido b

Messaggioda piropiro » 24/12/2010, 10:45

ciao Riccardo,
il sistema del perno l'ho sempre usato anch'io al posto della cerniera. Anzich'è il perno di legno io uso semplicemente un chiodo, ultimamente un rivetto grosso, così mi rimane fuori una parte per prenderlo facilmente.
Questo del perno era un trucco per usato da mio padre per bloccare i cassetti dello scaffale attrezzi, ma è durato poco. nel caso degli uccelli vedo che è più efficiente.
Ciao Buon Natale
Avatar utente
piropiro
Aquila
 
Messaggi: 1961
Iscritto il: 02/01/2010, 15:17
Località: Carinzia


Archivio: Nidi (56)
Files: Schede (95)

Re: Casetta Nido " antipredazione " per Cince

Messaggioda Alessandro Landi » 25/12/2010, 20:39

bene, ho spostato il tutto in una nuova discussione..
hai già in mente dove posizionarlo e quali soggetti ci sono nella tua zona che possono occuparlo?
te lo chiedo perchè ho visto che nel disegno hai messso il diametro del foro di 2,6 - 2,8 cm... una misura piccola che permetterebbe l'accesso solo a Cinciarella e Cincia Bigia, ma visto che è la prima volta che installi un nido artificiale io ti consiglierei di fare un foro meno "selettivo", tipo 3,2 cm che permetterebbe l'utilizzo anche a Cinciallegra, Picchio Muratore, Torcicollo e forse qualcun'altro ;)
Avatar utente
Alessandro Landi
Amministratore
 
Messaggi: 4257
Iscritto il: 03/01/2009, 16:41
Località: Toscana


BY-2016: Punti (3)
Archivio: Nidi (31)
Files: Schede (30)

Re: Casetta Nido " antipredazione " per Cince

Messaggioda Riccola » 26/12/2010, 0:50

Ciao a tutti.
Fino a quest'estate non ho mai notato cosa ci fosse dalle mie parti, diciamo che non mi interessava :oops: .
Da quando vedo le vostre foto ho una "infarinata" su quello che potrei incontrare, ma in questa stagione credo che siano migrate verso posti più favorevoli e quindi non saprei di preciso cosa c'è nella mia zona.

Mi stò guardandomi intorno per dove posizionali leggendo le "direttive" di Piropiro su come e dove installarle i nidi.

Sul diametro del foro ho fatto una media delle misure che ho letto quà e là nei siti. Però rileggendo meglio il post di Piropiro ho visto che anche lui dice di un diametro ottimale sui 32mm... provvederò subito non c'è problema.

Vorrei chiedere:
-essere in campagna piuttosto che vicino alle montagne ,con meno alberi e più campi coltivati, può essere "selettivo" per le varie specie che potrei incontrare?
Perdonate le domande forse elementari...

ciao
ciao
Riccardo
Avatar utente
Riccola
Aquila
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: 01/10/2010, 11:03
Località: Verona


Archivio: Nidi (51)
Files: Schede (26)

Re: Casetta Nido " antipredazione " per Cince

Messaggioda piropiro » 26/12/2010, 9:50

sicuramente non tutte le specie nidificano nella tua zona: il caldo estivo spinge molti uccelli verso le montagne o comunque verso nord dove è più fresco. Comunque Ciciallegra e cinciarella si dovrebero fermare almeno per la prima covata. Poi c'è da considerare cosa offre l'habitat circostante. Dalle tue parti c'è un'agricoltura intensiva con molte serre in plastica e poche aree incolte o boschive e ciò non è molto favorevole alla sosta degli uccelli.
E' una prima risposta visto che siamo qui anche nelle festività. Ora parto e vado a vedere cosa è rimasto in montagna.
Ciao
Avatar utente
piropiro
Aquila
 
Messaggi: 1961
Iscritto il: 02/01/2010, 15:17
Località: Carinzia


Archivio: Nidi (56)
Files: Schede (95)

Re: Casetta Nido " antipredazione " per Cince

Messaggioda Parus » 26/12/2010, 10:19

ciao,
si alcuni se ne vanno anche molto lontano, ma altrettanti di altre specie rimangono perchè svernanti o meglio sedentari tutto l'anno.
Tieni conto che da metà di marzo in poi (giorni più o meno a seconda della zona d'italia) si cominciano a vedere i migratori che interessano i nidi artificiali, ovvero

-torcicollo foro casetta 40 [può occupare anche il 32]
-upupa (assiolo) foro casetta 60
-codirosso comune foro casetta 40 [occupa in assenza di altro anche il 32, ma ama molto i fori grandi]

questi i tre come presenze in quantità oscillano anche qui in base a molti fattori ambientali e climatici delle varie zone, comunque il codirosso di solito non manca mai in ogni contrada e lo si trova discretamente ovunque da pianura a media montagna in qualsiasi tipo di formazione boscosa, radure, prati, campi ecc. Il toricollo lo stesso, l'upupa è già più difficile notarla ed è sicuramente meno frequente forse pechè più delicata in fatto di habitat ecc...e molto altro.
Per l'assiolo (che arriva in primavera) bisogna avere fortuna, e magari capire dove canta e dove poter di conseguenza mettere qualche nido.

Altre specie come le cinciarelle , cinciallegre non migrano propriamente, possono spostarsi di qualche decina di kilometri per esempio quelle di collina o montagna in inverno scendono più in basso ma sempre li sono. I picchi muratore lo stesso.
I passeri mattugi ci sono quasi ovunque nelle campagne anche coltivate, gli storni una parte migrano una parte no ma sono ovunque.

In sostanza l'ambiente si, può essere selettivo ma considera che gli uccelli in tutti questi anni di "sopportazione" della attività umane + conseguenze sono riusciti piuttosto bene ad adattarsi alle nuove situazioni, oddio molti ancora sono in difficoltà ed è proprio per loro che andrebbe mirata una protezione speciale perciò i nidi artif sono da considerarsi un ottimo strumento di ripristino diciamo, per gli altri che se la cavano vedrai che una visitina possono anche farla.
Anzi, attraverso i nidi che metti potrai verificare concretamente cosa nidifica; quindi vedere se ci sono uccelli e quali o meno è un passo successivo.

Il diametro del foro 32 mm è universale si, ma se si cominciano a installare 4-5-6....9...nidi e più adottare solo il 32 come unica misura è un po' superficiale , oltre a ridurre possiblità di occupazione di altre specie che nel 32 non nidificano o nidificano ma a fatica. Quindi visto che si può giocare su più misure per accontentare quante più specie conviene farlo :ok:

Hai in mente di fare di altre casette oltre a quella antipredazione?
ciaoo
Parus
Aquila
 
Messaggi: 1636
Iscritto il: 30/05/2009, 21:21
Località: Vicenza



Re: Casetta Nido " antipredazione " per Cince

Messaggioda Riccola » 26/12/2010, 22:05

Grazie Piropiro. Con la tua risposta mi hai fatto notare che effettivamente nella mia zona ci sono parecchie colture forzate con le serre in nylon, tra la montagna e me c'è la città che forse frena l'afflusso. Ma non c'è problema, io ci provo lo stesso... magari mi sbaglio e arriveranno ospiti.

@Parus
Quante e quali fare? Non ho ancora deciso. Sarei portato a quelle antipredazione, non andrei tanto alto 3-4mt max e poi gatti in campagna ne vedo parecchi... non me la rischierei. Grazie del consiglio sui fori, più o meno larghi non è un problema :ok:
Ho aggiunto anche il disegno del mod.antipredazione, cosa ne dici? le misure possono andare bene così?...è un prototipo si può modificare quando vogliamo.
Ho chiesto in quel negozio che ti dicevo per la troncatrice che cerchi, gli arrivano dopo le feste quelle con i dischi da 305mm, appena passeranno le feste lo sento per i prezzi e ti farò sapere.

ciao
ciao
Riccardo
Avatar utente
Riccola
Aquila
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: 01/10/2010, 11:03
Località: Verona


Archivio: Nidi (51)
Files: Schede (26)

Re: Casetta Nido " antipredazione " per Cince

Messaggioda silmar » 27/12/2010, 7:37

ciao riccardo, quarda che sono bellissime zone lì da te tra vigasio e buttapietra scorrono molte risorgive e se hai un pezzo un pò grande e non coltivato ti divertirai te lo assicuro. appena vengo a trovarti diamo un'occhiata assieme
Avatar utente
silmar
Aquila
 
Messaggi: 1673
Iscritto il: 22/03/2010, 9:14
Località: verona


Files: Schede (6)

Re: Casetta Nido " antipredazione " per Cince

Messaggioda Riccola » 27/12/2010, 23:29

Mannaggia hai ragione Silvano!!
Mi hai fatto ricordare che ne conosco due nella mia zona, una è fuori Cà di David e l'altra al Marchesino che si chiama "Fossa Bova", addirittura sò che nella seconda c'è un gruppo di persone che hanno formato un "comitato" per la conservazione delle specie rendendola una bellissima oasi, magari li contatto per poter installare dei nidi.

Grazie dell'idea! :ok: :ok:
ciao
Riccardo
Avatar utente
Riccola
Aquila
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: 01/10/2010, 11:03
Località: Verona


Archivio: Nidi (51)
Files: Schede (26)

Re: Casetta Nido " antipredazione " per Cince

Messaggioda Alessandro Landi » 28/12/2010, 20:53

Se hai intenzione di fare altre casette nido allora è bene variare un po sia il tipo di nido che il foro d'ingresso, le caratteristiche dell'ambiente in cui istellerai i nidi già possono darti alcune indicazioni di massima su chi, piu o meno facilmente , potrebbe occupare il nido.
Per esempio mi sembra di capire che installeristi i nidi ad una altitudine di circa 50 metri slm, questo rende poco probabile la nidificazione della Cinciarella che, per quanto ne so, preferisce nidificare in zone piu collinari, stessa cosa credo della Bigia, se poi il nido sarà installato in campi aperti con pochi alberi allora anche la nidificazione del Picchio Muratore sarà poco probabile visto che almeno da me non ama affatto gli spazzi aperti e preferisce rimanere nel folto del bosco, diversamente da Cinciallegra e Torcicollo che da me hanno sempre preferito i nidi posizionati nelle zone piu aperte.

Detto questo, oltre al nidi per Cince (se vuoi puoi farne metà antipredazione e metà standard) che per la Cinciallegra và bene il foro di 3,2, mentre per il Torcicollo da me l'anno scorso occupò quello da 3,5cm, proverei a fare anche qualcuno dei nidi per Codirosso-Ballerina Bianca, altri soggetti che secondo me nella tua zona potrebbero essere abbastanza probabili
Avatar utente
Alessandro Landi
Amministratore
 
Messaggi: 4257
Iscritto il: 03/01/2009, 16:41
Località: Toscana


BY-2016: Punti (3)
Archivio: Nidi (31)
Files: Schede (30)

Re: Casetta Nido " antipredazione " per Cince

Messaggioda Parus » 28/12/2010, 21:32

ciao,
si alessandro ha detto bene riguardo le abitudini delle specie, la bigia è più amante delle colline e comunque ospitarla nei nidi potrebbe risultare più difficile confronto alle altre cugine meno esigenti in tutto, considerando il fatto che per poter ospitarle in numero abbastanza discreto (anche in una 2 casette per dire) devono essercene già presenti in zona , non dico comuni ma quasi...poi se coabita con molte cinciarelle o cinciallegre classiche prepotenti :ghgh: potrebbe essere un po' sopraffatta nella scelta dei luoghi dove nidificare ecc, non ho esperienza con la bigia ma credo sia delicatina in generale :mrgreen:

Comunque sia, in casì come questi ma anche io spesso ragiono così, credo sia più vantaggioso, soddisfacente e meno problematico agire in modo contrario allo standard logico che tutti si mettono in testa prima di cominciare a fare qualcosa coi nidi artif. Cioè, invece di basarsi attentamente sulle specie che si vedono per fare i nidi, perchè non mettere a disposizione vari nidi di vari modelli e vedere cosa ci nidifica? Lasciando a parte i modelli molto specifici per particolari specie come possono essere il barbagianni, la civetta, che so anche le ballerine o il merlo acquaiolo , ci sono modelli che visti tutti assieme ricreano una specie di linea universale che bene o male soddisfa le specie più comuni e più "facili" da attirare. Tra l'altro alle prime esperienze uccelli che crediamo inestistenti nei nostri posti li possiamo vedere poi nelle casette e il piacere di scoperte simili è qualcosa da provare, garantito :ok:

Per esempio, buttati con le casette standard fori da 28 e 32 e 40 già loro soddisfano 5-6 specie , qualche casetta di medie dimensioni con foro da 60 per upupe e storni e magari anche per l'assiolo, se vuoi tentare con un rapace notturno qualche nido per allocco è senza dubbio quello che da maggior efficacia di occupazione visto che è il gufo diciamo così più comune dei boschi...e già così avresti fatto moltissimo. Prestando sempre un po' di attenzione del luogo di installazione che potrebbe essere vincolante ad alcune specie, ma anche qui non mettersi in dubbio eccessivamente perchè sennò non ci si decide e non si procede.

facci sapere
ciao
Parus
Aquila
 
Messaggi: 1636
Iscritto il: 30/05/2009, 21:21
Località: Vicenza



Prossimo

Torna a Birdgarden e Nidi artificiali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite