Pagina 1 di 4

Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 07/01/2012, 18:45
da piropiro
Tenebrio molitor.jpg
Tenebrio molitor.jpg (66.29 KiB) Osservato 25315 volte


Negli ultimi tempi ho visto che alcuni di voi si sono dimostrati interessati alla alimentazione degli uccelli usando anche le camole.
Una volta gli uccellatori usavano la larva della farina per nutrire gli uccelli insettivori catturati; questa larva poteva essere mantenuta e riprodotta facilmente. Ultimamente in commercio, ad uso dei pescatori e per la nutrizione di certi rettili, è stata introdotta la cosiddetta larva del miele.
Mentre la prima è la larva di un coleottero (Tenebrio molitor) la seconda, anche se molto simile, è la larva di un lepidottero (Galleria mellonella).
La larva del miele ha praticamente sostituito nel commercio la prima in quanto si riproduce più rapidamente e quindi più interessante dal punto di vista industriale. Però bisogna ricordare che in natura è un terribile parassita degli alveari: gli adulti (farfalle) sono molto mobili e se possono vanno a depositare le uova negli alveari e le larve che nascono aggrediscono poi i favi indebolendo notevolmente lo sciame. Per questo motivo sono molto temute dagli apicoltori. Pare che larve messe in commercio siano “trattate”, cioè non siano in grado di trasformarsi in adulti. Però basta che poche riescano a sfarfallare per trovarsi l’ambiente pieno di farfalle.

Qui darò alcune informazioni sul metodo di allevamento della larva della farina che non è impegnativo, non richiede molta presenza o manutenzione e offre durante tutto l’anno le larve che possono essere utilizzate per l’alimentazione di molti uccelli insettivori.

Ciclo biologico
Gli adulti sono dei coleotteri di circa 15-18 mm di lunghezza, non sono molto mobili, non volano, rimangono praticamente nel substrato alimentare dove la femmina depone le uova (qualche centinaio)

Tenebrio molitor2.jpg
Tenebrio molitor2.jpg (161.4 KiB) Osservato 25315 volte


Le larve che nascono hanno un tegumento rigido, sono giallognole e di forma cilindrica. Si nutrono delle sostanze contenute nella farina e dei cereali in genere.
Crescono subendo numerose mute e alla fine dello sviluppo possono raggiungere quasi 3 cm di lunghezza. Quindi si impupano per trasformarsi in insetto adulto.
La lunghezza del ciclo dipende essenzialmente dalla temperatura ambiente: può andare dai 180 giorni a 28° fino a 360 giorni a 20° o meno.

Allevamento
Occorre un recipiente di plastica (una comune bacinella o anche un secchio largo) alto 20cm che si dovrà tenere in un ambiente molto asciutto.
Si mettono sul fondo 5-6 cm di crusca (quella per polli economica), qualche pezzo di pane secco dove gli adulti depositeranno le uova. Crusca e pane andranno col tempo integrati a seconda del consumo.

Tenebrio molitor3.jpg
Tenebrio molitor3.jpg (141.54 KiB) Osservato 25315 volte


Due o tre spicchi di mela o patata per offrire alimento acquoso: attenti a non eccedere creando umidità che danneggia la colonia.
Un nucleo di una manciata di larve e l’allevamento parte.
Mantenere al buio coprendo con un telo anche per impedire l’entrata eventuale di altri insetti.
Col tempo sul fondo si forma uno strato di polvere fina (escrementi) che una volta all’anno bisogna togliere con un setaccio oppure spostare il nucleo in un nuovo contenitore.

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 07/01/2012, 19:55
da blackbird
Hai aperto una discussione molto interessante, a parer mio la piccola guida sarà molto utile ! :D
Ora ne approfitto, spero senza abusare delle tue conoscenze ahahaha quest'inverno ho scoperto che una grande catena di negozi per lo sport ( fra cui anche la pesca ) offre delle esche vive: bigattini, lombrichi e camole del miele.
Purtroppo presi delle camole del miele tempo fa ma sembravano quasi morte, stordite insomma .. forse per le temperature ? per il periodo ? Si sa qualcosa su come poterle allevare ?

E i lombrichi invece ? Insomma sono invertebrati che risentono delle rigide temperature andando in torpore invernale ?
( per svegliare i lombrichi ho provato a immergerli in acqua fredda, ma poi son fin troppo attivi e infatti scappano dai recipienti in cui li metto per offrirli agli insettivori :(

Grazie

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 07/01/2012, 20:17
da piropiro
Per la conservazione delle camole (miele o farina) "pronte x l'uso" basta conservarle a bassa temperatura, forse nel frigorifero di cucina non è proprio il caso: basta che le tieni a 3-5°. In questo momento io le ho in garage dove la temperatura arriva anche a 0° anche sotto ma tutto il catino è coperto e dentro la massa di farina la temperatura rimane qualche grado sopra. Comunque le larve, almeno quelle della farina rimangono ibernate ma vive. Nei negozi le tengono in frigo altrimenti sopra i 20° dopo pochi giorni si trasformano in crisalide e farfalla (quelle del miele) in pupa e coleottero adulto quelle della farina.
Ti sconsiglio di allevare le camole del miele: a parte il costo del miele che devi usare, ti riempirai la casa di farfalle e rischi di diffondere un pericoloso parassita degli alveari.

I lombrichi di solito stanno nella massa di sostanza organica in fermentazione e quindi in autoriscaldamento. Se fai il compost, basta anche un ammasso di foglie e le lasci decomporre, nella massa troverai i lombrichi che saranno anch'essi più o meno attivi a seconda della temperatura. Se devi offrirli agli uccelli è meglio metterli in un contenitore basso e largo con del terriccio umido sul fondo altrimenti scappano, saranno gli uccelli a scavare nel terriccio.

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 07/01/2012, 20:21
da Shino
Scheda fantastica, imporante come hai sottolineato, l'umidità. L'ambiente deve essere il più asciutto possibile.
Unica cosa, non sono camole ma larve, con il termine camola o anche tarma si indica stato larvale o adulto di lepidotteri. Anche se ormai è di uso comune e quindi non più corretto, essendo molto usata per la pesca, chiamata appunto camola della farina.

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 07/01/2012, 22:16
da Chri
da me lecamole :ghgh: se le pappa tutte il codirosso spazzacamino :o :ok: :lol:

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 08/01/2012, 7:47
da silmar
ottimo argomento alberto
è già da un anno che ho tarme della farina che per me sono adattissime agli insettivori
un pò meno le larve del miele
t lombrichi da letame quelli piccolissimi fanno diventare matti i merli

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 08/01/2012, 14:21
da Alessandro Landi
molto interessante...
prima o poi proverò anche io :think:

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 09/01/2012, 0:10
da cinciallegra bird
Molto interessante: purtroppo anche se Alberto me lo ha già spiegato almeno 5 volte non posso iniziare la produzione per via del fatto che non trovo la famosa "manciata", qui si trovano solo le camole del miele, come fare :perplesso:

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 09/01/2012, 7:33
da silmar
te le spedisco se vuoi :ok:

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 11/01/2012, 22:04
da Chri
ma le camole della farina dove si vendono ? :perplesso:

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 12/01/2012, 12:29
da piropiro
Chri ha scritto:ma le camole della farina dove si vendono ? :perplesso:


potresti trovarle nei negozi di pesca che le tengono come esche vive, o nei negozi per animali che le tengono come cibo più che per gli uccelli per certi rettili (lucertole o iguane). In entrambi i casi mi sembra preferiscano vendere la camola del miele che ti sconsiglio.
Si possono trovare anche in internet ma per la spedizione dall'estero hanno difficoltà rientrando nella categoria di animali vivi.

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 12/01/2012, 13:00
da piropiro
ho ritrovato il sito di una ditta di Milano che le vende, hanno un magazzino di stoccaggio a Legnano. Non li conosco, suppongo che siano dei rivenditori di materiale estero, per chi è interessato posso fornirgli l'indirizzo via MP.

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 12/01/2012, 15:28
da Riccola
Il fratello di mia suocera abita a Parabiago (se ricordo bene a 5-10 km) se vuoi chiedo se li conosce?

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 08/08/2012, 21:24
da Luca93
Riesumo il topic per chiedervi una cosa: c'è un modo per far rimanere le camole dentro alla mangiatoia? :roll: perchè l'anno scorso andava sempre a finire che metà di quelle che mettevo se la filavano e non venivano mangiate..quest'anno mi sto gia mettendo in moto per poi avere tutto pronto e quindi mi è sorto questo dubbio :think:

Re: Allevamento della camola della farina (Tenebrio molitor)

MessaggioInviato: 09/08/2012, 9:08
da piropiro
Luca93 ha scritto:Riesumo il topic per chiedervi una cosa: c'è un modo per far rimanere le camole dentro alla mangiatoia? :roll: perchè l'anno scorso andava sempre a finire che metà di quelle che mettevo se la filavano e non venivano mangiate..quest'anno mi sto gia mettendo in moto per poi avere tutto pronto e quindi mi è sorto questo dubbio :think:


ciao Luca,
le camole della farina non sono in grado di arrampicarsi sul liscio. dammi tempo un paio di giorni e ti mando qualche foto dei "despenser" di camole che vendono in Inghilterra così magari ti viene qualche idea.